World Pasta Day: un’edizione solidale con #haveagoodpasta e il supporto delle Caritas territoriali

mani pasta

Torna il World Pasta Day, manifestazione ideata e curata dai pastai di Unione Italiana Food e IPO – International Pasta Organization, che ogni 25 ottobre celebra il piatto simbolo della condivisione e della convivialità, per raccontare e assaporare l’eccellenza italiana della pasta, da sempre icona di una buona e sana alimentazione e che, soprattutto nell’ultimo anno, è stata il nostro bene rifugio, ci ha aiutato a sentirci uniti, a stare bene con le persone. Quest’anno, nella sua 23° edizione, la Giornata Mondiale della Pasta si celebrerà all’insegna della solidarietà verso i meno fortunati e chi sta subendo le conseguenze di questa pandemia, con la realizzazione di una social charity challenge d’eccezione e con l’hashtag di questo anno #Haveagoodpasta, che vede uniti i pastai italiani di Unione Italiana Food, le 4 Caritas sui territori nelle città di Milano, Roma, Napoli e Palermo e la community di pasta lover in una eccezionale donazione di 300mila piatti di pasta. Accessibile, buona, sostenibile, senza frontiere geografiche e culturali, la pasta può giocare un ruolo importante. Ora è il momento di essere vicini e solidali.

 

-30 GIORNI AL WORLD PASTA DAY, AL VIA IL COUNTDOWN

Il “cuore” della Giornata sarà la kermesse “Al Dente, la kermesse ideata e promossa da Unione Italiana Food e giunta alla sua terza edizione, per invitare istituzioni, stakeholder, chef, ristoranti e pasta lovers a partecipare ad una charity challenge d’eccezione. Amanti della cucina, ma anche gli absolute beginners ai fornelli, chef e ristoranti di tutto il mondo potranno unirsi in una spaghettata virtuale per “donare” un piatto di pasta ai meno fortunati. Come? Partecipare è semplice. Da ora e fino al 25 ottobre, basterà postare sui propri canali social lo scatto di un piatto di pasta preparato con ingredienti semplici e di stagione con l’hashtag #Haveagoodpasta. Quanti più scatti di foto verranno condivisi, quanto più salirà il contatore sul sito dedicato di Al Dente, quanti più piatti di pasta doneranno i pastai italiani di Unione Italiana Food ai più bisognosi.

 

Inoltre, chef e ristoratori – dopo le grandi difficoltà vissute nel corso di quest’ultimo anno – saranno coinvolti a proporre un menù che può fare la differenza inserendo una ricetta di pasta ispirata al tema #Haveagoodpasta al centro della 23° edizione del World Pasta Day. Basterà iscriversi gratuitamente all’iniziativa entro il 30 settembre sul sito di Al Dente, realizzare la propria ricetta e proporla nella carta del ristorante dal 18 – 25 ottobre 2021, utilizzando l’hashtag #Haveagoodpasta e condividerla sui propri canali social per coinvolgere la propria community.

 

Nel 2020 sono cadute in condizione di povertà assoluta poco più di due milioni di famiglie (7,7% del totale in crescita dal 6,4% del 2019) e oltre 5,6 milioni di individui (al 9,4% dal 7,7%)[1] e la povertà assoluta è aumentata raggiungendo il livello più elevato dal 2005. Ma è stato anche l’anno della riscoperta della pasta, tornata a essere percepita alimento essenziale, cibo di conforto per eccellenza, elemento insostituibile di uno stile di vita sano, mediterraneo e accessibile. Proprio per questa ragione, i Pastai Italiani di Unione Italiana Food vogliono fare la loro parte per sostenere chi ha più bisogno.

 

Con l’hashtag #Haveagoodpasta, tutti potranno postare foto e video della loro idea di pasta in attesa del World Pasta Day quando con tweet up, eventi Facebook, foto e Instagram stories celebreremo tutti insieme anche online l’amore per il piatto regina della nostra tavola e della Dieta Mediterranea. I post migliori saranno condivisi sui canali ufficiali We Love Pasta (Facebook, Instagram e Twitter) e sulla landing page di Al Dente.

 

[1] Istat, giugno 2021, Report povertà Cfr. https://www.istat.it/it/files//2021/06/REPORT_POVERTA_2020.pdf