World Pasta Day 2017: un piatto di pasta per aiutare a nutrire il pianeta

Spaghetti

La sfida del WPD17 – Un piatto di pasta per aiutare a nutrire il pianeta. È la sfida della 19ma edizione della Giornata Mondiale della Pasta, che ha fissato la data del 25 ottobre per celebrare l’alimento simbolo della dieta mediterranea. Una scommessa a buon punto, secondo i dati elaborati da AIDEPI – Associazione delle Industrie del Dolce e della Pasta Italiane e IPO – International Pasta Organisation, che promuovono l’iniziativa: dal 1997 al 2016 la sua produzione è aumentata di quasi il 57%, passando da 9,1 a 14,3 milioni di tonnellate. Sono 48 (+77%) i paesi a produrne in quantità accettabili (oltre 1.000 tonnellate) e ben 52 (erano 30 allora) quelli che ne consumano almeno 1 kg pro capite all’anno. Allora come oggi, l’Italia guida questo mercato. 1 piatto di pasta su 4 consumati nel mondo è fatto in un pastificio italiano.

Quest’anno il ruolo di “capitale” della pasta spetta a San Paolo del Brasile, che ospiterà i festeggiamenti del World Pasta Day 2017 con un evento a cui parteciperanno 250 delegati tra pastai, Istituzioni, rappresentanti della comunità scientifica, giornalisti e opinion leader del food. Il Brasile è infatti primo produttore di questo alimento in tutto il Sudamerica, con 1,2 milioni di tonnellate prodotte nel 2016 e un consumo pro capite di 6,1 chili. Inoltre, in questo paese la pasta, da prodotto di largo consumo, viene fortificata con ferro e acido folico, in osservanza delle raccomandazioni dell’OMS e di una campagna di prevenzione e educazione alimentare contro l’anemia ferropriva, attualmente tra i principali “nodi” nutrizionali della nazione sudamericana.

The Power of Pasta – Oggi la pasta si confronta con un’altra emergenza alimentare globale: secondo il rapporto ONU “The State of Food Security and Nutrition in the World 2017” a cura delle agenzie Fao, Ifad e World Food Programme, nel 2016 la fame nel mondo è tornata a crescere dopo un declino che durava da oltre un decennio. Oggi ne sono colpiti 815 milioni di persone, 38 milioni in più rispetto al 2015, l’11% della popolazione mondiale. Un campanello d’allarme per il raggiungimento dell’obiettivo di porre fine alla fame e a tutte le forme di malnutrizione entro il 2030, che l’Agenda per lo sviluppo sostenibile 2030 si è posta come priorità politica internazionale. E il mondo della pasta si candida ad essere parte della soluzione.

Per questo i pastai italiani e di tutto il mondo si sono impegnati nell’iniziativa benefica globale “The power of pasta”, con la quale verrà donata ad Associazioni locali impegnate nella lotta contro la fame un quantitativo di pasta sufficiente a realizzare oltre 3 milioni di piatti di pasta. Ambasciatori di questa iniziativa benefica tre “super-chef”: per l’Italia Antonino Cannavacciuolo consegnerà alla Caritas Diocesana un quantitativo di pasta sufficiente a garantire 160mila pasti caldi agli indigenti di 12 Regioni; negli USA toccherà a Bruno Serato, già votato eroe dell’anno per la CNN per il suo impegno sociale. Da più di 10 anni prepara pasti caldi per 1.500 motel kids della California. E in rappresentanza del Brasile, David Hertz, che da 10 anni con “Gastromotiva” offre l’opportunità di una formazione alimentare e culinaria agli abitanti delle favelas di San Paolo, Rio de Janeiro, Bahia e Città del Messico e, più recentemente, ha collaborato con Massimo Bottura al progetto Refettorio Rio, che cucina nelle mense dei poveri i prodotti rimasti inutilizzati nel ristorante.

“La Giornata Mondiale della pasta – afferma Paolo Barilla, presidente di International Pasta Organisation – ci offre ancora una volta l’opportunità di raccontare quanto questo alimento straordinario possa essere ideale per sfamare il mondo in modo sano e sostenibile. La sua diffusione mostra come sia ormai di casa in tutte le culture, è un piatto umile che per il suo potere saziante può essere una scelta sana, naturale, accessibile a tutte le categorie sociali. In più è un prodotto a basso impatto ambientale, aspetto non secondario in un pianeta sempre più affollato dove chi produce cibo deve porsi il problema etico di farlo senza sprecare le risorse.”

We Love Spaghetti – Il formato di pasta più amato, gli spaghetti. La salsa più iconica della dieta mediterranea, il sugo al pomodoro. Non poteva che essere lo spaghetto al pomodoro il piatto simbolo del World Pasta Day 2017. La ricetta di pasta più amata è anche la più sostenibile e rappresenta alla perfezione una alimentazione sana ed equilibrata in cui i carboidrati complessi rappresentano la scelta vincente in chiave di gusto e salute. E anche quella più adatta a nutrire un pianeta sospeso tra malnutrizione e obesità. Per questo AIDEPI e IPO lanciano il 25 ottobre con l’hashtag #WorldPastaDay e #Spaghetti un dibattito su twitter invitando esperti, chef, giornalisti, blogger e pasta lover di tutto il mondo a dire la loro su questa ricetta iconica.

Vi aspettiamo domani su twitter dalle 10 alle 12, in Italia e dalle 16 alle 18 per rilanciare questo dibattito anche in America.