Spaghetti Music Award: Ruby Rose sceglie la pasta

Ruby-rose-collage-web

Se Justin Bieber fa incetta di premi per la gioia delle sue #beliebers a vincere agli EMA è la sua presentatrice Ruby Rose, australiana, tatuata, attrice e vera pasta lover. Ieri sera nel corso dei popolarissimi e attesi premi della musica europea, quest’anno a Milano, ha lasciato tutti senza fiato (e con l’acquolina in bocca) presentandosi sul palco avvolta in un piatto di spaghetti. A essere precisi si trattava di un mini dress con scollo a cuore e una cascata di fili gialli a simulare lunghi spaghetti in versione haute couture.

Spaghetti…fit – Un outfit originalissimo per omaggiare uno dei prodotti made in Italy più apprezzati al mondo, la pasta, nel giorno della sua festa, il World Pasta Day. Una dichiarazione d’amore per la pasta che non è passata inosservata e che ha subito fatto il giro dei social, rimbalzando dal profilo della bella Ruby, passando per quello ufficiale di MTV e della Warner, fino a quello del blogger e personaggio televisivo americano Perez Hilton che ha apostrofato con uno Yum l’associazione della bella attrice di The Orange is the new black a un godereccio piatto di carbonara.

Lo spaghetti dress arriva nei giorni degli stati generali della pasta, il World Pasta Day & Congress 2015 (25-27 ottobre), la “festa della pasta” che torna nel Paese che le ha dato i natali per riflettere sul ruolo di questo alimento nella lotta a malnutrizione e obesità. E una sfida globale la pasta l’ha già vinta: 15 anni fa nel mondo se ne producevano 9,3 milioni di tonnellate, contro 14,5 milioni del 2014 (+56%). Nello stesso periodo i Paesi che ne producono oltre mille tonnellate l’anno sono passati da 27 a 47 (+74%). E sono 52 (erano 29 15 anni fa, + 79%) i Paesi in cui si consuma almeno 1 kg di pasta pro capite all’anno.

The winner is – Oltre 300 tra produttori, scienziati, opinion leader, economisti, Istituzioni e media di tutto il mondo per celebrare questo alimento e valorizzare i suoi pregi nutrizionali e la sostenibilità del suo modello produttivo. Inoltre, il 26 e il 27 ottobre, si terranno i lavori congressuali del V° World Pasta Congress, che culminerà in un summit internazionale di nutrizionisti che si confronteranno sulle qualità nutrizionali del piatto simbolo dell’Italia.

Quest’anno, la pasta fa suoi i temi centrali dell’Expo, “Nutrire il pianeta, energia per la vita”, come spiega Paolo Barilla, Presidente di AIDEPI. “Viviamo le contraddizioni di dover sfamare un pianeta sospeso tra fame e obesità. La Pasta non può mancare nell’Esposizione universale dedicata all’alimentazione e alla food safetyNon solo è il piatto più ‘glocal’ del made in Italy alimentare, ma ha tutte le caratteristiche per rispondere alle complessità e all’incertezza di questo scenario alimentare. Abbiamo l’opportunità di raccontare davanti a tutto il mondo come questo alimento sano e naturale, consumato ormai in tutti i continenti, sia una scelta alimentare nutrizionalmente valida ed economicamente accessibile per tutte le categorie sociali.”

The winner is…