Pasqua in tavola: tre ricette di pasta per stupire i vostri ospiti

conchiglioni

Tre semplici proposte per il menu del giorno di Pasqua

Tre ricette di pasta per il menu pasquale. Mancano pochi giorni a Pasqua e fervono i preparativi per il pranzo del 1° aprile. Noi vi consigliamo tre proposte che sanno mettere insieme tradizione e innovazione; in questo modo sapremo sorprendere e, allo stesso, soddisfare i nostri ospiti a tavola in questa domenica di festa.

Conchiglioni al ragù gratinati – Non c’è giorno di festa senza ragù. La prima ricetta che vi proponiamo sono dei fantastici conchiglioni. Per prima cosa disponiamo i funghi in ammollo in acqua per circa mezz’ora. Poi tritiamo sedano, carota e scalogno, facendoli appassire in una padella con un po’ d’olio e uno spicchio di aglio schiacciato con la buccia. Lasciamo trascorrere due minuti e aggiungiamo la salsiccia sgranata, fino a farla rosolare finché non rilascia il suo grasso. Dopo aver strizzato dall’acqua i funghi e averli sminuzzati, li uniamo alla polpa di manzo. Facciamo insaporire per una decina di minuti circa, dopodiché sfumiamo con due dita di vino, aggiungendoci, se vogliamo, un pizzico di peperoncino e un rametto di timo sfogliato. Inumidiamo con un mestolo di acqua di ammollo dei funghi, chiudiamo con un coperchio e facciamo cuocere per circa 30 minuti, a fiamma bassa. Quindi insaporiamo con un po’ di sale. Nell’attesa, scaldiamo circa 270 grammi di latte leggermente insalati. Diluiamo l’amido di mais nel latte rimasto e aggiungiamolo al latte. Lasciamo che diventi denso per circa trenta secondi, poi lo togliamo dal fuoco e aggiungiamo 40 grammi circa di grano grattugiato, in modo da ricavarne una besciamella leggera. Versiamo i conchiglioni in acqua bollente salata, li scoliamo una volta cotti al dente e li disponiamo su un vassoio. Aggiungiamo un filo d’olio e lasciamo che si raffreddino. Infine, in una pirofila, versiamo due cucchiaiate di ragù e due di besciamella. Riempiamo i conchiglioni con il ragù e il resto della besciamella, li sistemiamo nella pirofila creando un unico strato. Spruzziamo un po’ di grana grattugiato, un filo d’olio e poi mettiamo tutto in forno per massimo dieci minuti. Prima di servirli in tavola, possiamo impreziosirli con dell’erba cipollina.

Pasta al gratin con zucchine, pistacchi e mortadella – Se amiamo i pistacchi e abbiamo voglia di sperimentare qualcosa di nuovo, ecco la ricetta che fa per noi. Iniziamo a lavare e tagliare a strisce sottili le zucchine, le disponiamo in una padella con olio e sale e lasciamo che si ammorbidiscano con fiamma medio-altra per qualche minuto, senza coprirle. Facciamo attenzione che non siano troppo cotte, ma che restino un po’ croccanti. Scegliamo un tipo di pasta corta a seconda dei nostri gusti, la cuciniamo in acqua salata e la scoliamo al dente. Poi versiamo la pasta in una terrina, inumidendola con il burro. Ci aggiungiamo, quindi, zucchine, mortadella a tocchetti, pistacchi leggermente tritati e il parmigiano. Giriamo tutto bene e versiamo in una pirofila leggermente imburrata. Spruzziamo sulla pasta una manciata di parmigiano e qualche fiocchetto di burro, dopodiché inforniamo la pirofila per circa 10 minuti a 200 gradi. Quando ci accorgiamo che si sarà formata quella crosta dorata così invitante, sforniamo e serviamo in tavola.

Orecchiette ai carciofi e mandorle – Infine, possiamo coniugare una pasta tradizionale pugliese come le orecchiette, tipica dei giorni di festa, con una ricetta innovativa. Vi proponiamo le orecchiette con mandorle e carciofi. Iniziamo a pulire i carciofi, tagliamoli a fettine molto sottile e ammolliamo in acqua assieme al succo di limone per una decina di minuti circa. Poi, in una padella medio grande facciamo rosolare un trito molto fino di scalogno con tre cucchiai di olio, uniamo i carciofi dopo averli scolati dall’acqua con sale, pepe, dello speck tagliato a listarelle e facciamo cuocere per una decina di minuti. Intervalliamo la cottura con un pizzico di vino. Nel frattempo, in una ciotola abbastanza capiente mescoliamo la ricotta con un cucchiaio di olio, del sale, il pepe e un po’ di parmigiano fino a ottenere un impasto molto cremoso. Infine cuciniamo le orecchiette in acqua salata, le versiamo nella terrina con la crema di ricotta unendo i carciofi. Giriamo tutto bene facendo insaporire la pasta e, prima di servirla in tavola, spolveriamo le orecchiette con mandorle tritate.

Non ci resta che augurarvi buona Pasqua!

 

Fonti: La cucina italiana, Vale cucina e fantasia , Chef Silvia  

Tags